Bertinotti.Org

La tua Birra fatta in Casa

Tostatura Casalinga del Malto

| 3 commenti

Può capitare che alla vigilia di una cotta ci si accorga di essere rimasti senza quel malto particolare.  Oppure si vuole realizzare una ricetta storica che preveda l’utilizzo di malti rari o non più prodotti. Ma può anche capitare che si voglia realizzare una ricetta che necessiti piccole quantità di malti generalmente poco utilizzati: vale la pena acquistare la confezione da 1 kg, sapendo che molto probabilmente se ne useranno 100 grammi al massimo?

Niente panico! Si può rimediare, tostando nel forno di casa i malti base per arrivare alle caratteristiche desiderate di diversi malti speciali.

Le modalità di realizzazione sono di fatto due, in relazione a quali grani “trattare” e cosa si vuole ottenere. Il processo di tostatura è abbastanza semplice se da un malto Pale o Pils desideriamo ricavare un malto maggiormente tostato (Bisquit, Brown, Chocolate…) oppure se da un malto Carapils desideriamo creare un altro malto cara- maggiormente tostato tipo Crystal o Special B.
Il processo è un po’ più complicato invece se vogliamo ottenere un malto caramellato partendo da un malto base Pale o Pils.

Inizio tostaturaMa andiamo con ordine e vediamo cosa è necessario: un forno, naturalmente, meglio se ventilato. Questa caratteristica consente di ottenere uniformità di temperatura, più complicata da raggiungere con un forno tradizionale. Poi una teglia, che deve essere riempita con malto opportunamente steso a creare uno strato di un paio di centimetri. Meglio procurarsi un termometro da forno, perchè spesso i termostati degli elettrodomestici sono poco precisi nell’indicare le temperature raggiunte.

Preriscaldare il forno alla temperatura necessaria. Alcuni suggeriscono di impostarla attorno ai 100°C per effettuare circa 20 minuti di pre-tostatura allo scopo di ridurre al minimo l’umidità residua del malto base (Pale o Pils) o del cara- da tostare (Carapils o Carahell).

Trascorsi i 20 minuti, alzare la temperatura al livello desiderato. A grandi linee possiamo mantenere i seguenti punti di riferimento, verificando l’andamento del processo attraverso il taglio di qualche chicco di malto per verificare come cambia il colore:

biscuit

Malto Biscuit

Malti dorati (circa 50 EBC, ad esempio: Biscuit) per una tostatura minima: 150°C. Il tempo di cottura è attorno ai 25 minuti, tuttavia è sempre opportuno verificare l’imbrunimento del malto perché ogni forno può comportarsi in modo leggermente diverso.

Malti ambrati (circa 90 EBC, ad esempio: Crystal 30L, Caramonaco chiaro) per una tostatura lieve: 175°C per circa 30 minuti.

Malti scuri (circa 250 EBC, ad esempio: Crystal 90L, Special B) per una tostatura decisa con leggero torrefatto: 200°C per 30 minuti.

Malti Brown / Chocolate (circa 460-530 EBC) per un torrefatto deciso: 200°C  per 45 minuti e oltre.

pale_bagnato

Malto pale dopo la reidratazione

Soprattutto per i malti più scuri, è opportuno mescolare periodicamente il contenuto della teglia e aspettarsi, verso il termine della cottura, di vedere del fumo creato nel processo. Areare la cucina può rivelarsi necessario!

Sin qui, tutto abbastanza semplice: si tratta di dosare in maniera opportuna tempi e temperature. Più complicata invece la realizzazione di malti cara- (Crystal, Caramonaco, Special B) partendo da malti base come Pils o Pale. Diventa necessario “convertire” i malti prima di procedere con la fase di tostatura: realizzare una specie di “ammostamento” per ogni singolo chicco di malto.

L’umidità del malto deve essere innanzitutto elevata a livelli opportuni, lasciando il malto base in acqua per almeno 3 ore. Scolato il malto, i chicchi bagnati devono essere posizionati in un contenitore in alluminio da forno (con una profondità di circa 5 cm) e coperti con carta alluminio in modo da chiudere il contenitore.IMG_1840

Posizionare quindi il contenitore in forno preriscaldato a 80°C. Se si dispone di un termometro con sonda separata,  si può posizionare la sonda all’interno del contenitore in modo da verificare che i grani non superino la temperatura di 70°C.
Lasciare cuocere per circa 90 minuti. Se gli enzimi hanno fatto il loro dovere, si dovrebbe intuire dall’assaggio dei chicchi: dovrebbero infatti risultare più dolci al palato rispetto al malto base.

In seguito, similmente a quanto illustrato sopra, si posizionano i grani sulla teglia da forno (uno strato da circa 2 cm) e si aumenta la temperatura a 120°C, lasciando il tutto per circa 120 minuti (rimescolare ogni tanto). Scopo di questa cottura è diminuire il tasso di umidità dei grani.

malti casalinghiA questo punto si realizza la fase di “curing” ossia di tostatura vera e propria con le temperature e tempi sopra citati per ottenere il malto cara- desiderato.

Nella foto a sinistra, un esempio di alcuni malti realizzati partendo da una unica base (il malto Pale in basso a sinistra). Con semplice tostatura ho ottenuto il Biscuit, mentre attraverso il procedimento sopra illustrato, ho realizzato un Crystal 90L e uno Special B.

I maltatori e anche diversi homebrewers che si tostano il malto in casa suggeriscono di lasciare “riposare” il malto appena realizzato per almeno 2-4 settimane: con un utilizzo immediato si manifesterebbero nella birra finita gusti aspri e poco piacevoli derivati da composti aromatici creati durante la tostatura degli amidi.  Devo tuttavia affermare che in un paio di occasioni ho utilizzato malti tostati la settimana precedente e non ho colto difetti evidenti nelle birre realizzate.

In fondo però il punto focale della mia esperienza di tostatura casalinga del malto non è poi tanto il risparmio di qualche euro dell’acquisto di un malto già pronto, ma sui benefici che l’impatto aromatico di un malto autotostato dà a una birra homebrewed: una marcia in più in termini di profondità, complessità delle tostature e del torrefatto. Insomma, la fatica vale il risultato!

 

3 commenti

  1. Salve! Domanda da profano (ma che si sta avvicinando piano piano alla birra fatta in casa a 360°): posso acquistare un malto “base”, e poi tostarlo a mio piacimento se voglio fare una birra personalizzata? Oppure devo usare il malto così come mi viene fornito?

    Se lo posso tostare, esiste una tabella delle varie temperature di tostatura per quel malto che ho comprato? Ad esempio: se compro un malto pils, che cosa può diventare se faccio una tostatura a casa mia? Grazie 🙂

  2. Teoricamente si può fare per molte varietà di malto.
    Partendo da un pils o pale puoi ottenere un bisquit o malti più scuri, chocolate o black. Probabilmente è problematico ottenere Vienna e Monaco, gli altri due malti base, per il rischio di denaturare gli enzimi.
    Come dico nel mio articolo puoi anche ottenere malti caramello (chiari e scuri) partendo da un malto base, ma con procedimento abbastanza laborioso.
    Più comodo partire direttamente da un carapils ed ottenere crystal di vario colore, special B etc…
    Delle indicazioni di massima circa tempi e temperature sono qui citate. Una tabella precisa secondo me non ha molto senso perchè le variabili sono molte, dal prodotto di partenza alle condizioni del forno, ventilazione etc. E’ proprio verificando attentamente l’andamento della tostatura (come nel caffè!) che si riescono ad ottenere i risultati voluti.
    Un consiglio che ti posso dare è acquistare il malto che si vuole replicare e fare delle prove con assaggi incrociati tra il malto in tostatura e quello da replicare in modo da crearsi una tabella di marcia personalizzata per il futuro.

  3. Grazie, seguirò i tuoi consigli (e magari ti riscrivo!) 🙂

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie propri o di terze parti al fine di assicurare la migliore esperienza d'uso. Il mancato utilizzo dei cookie può compromettere il buon funzionamento del sito. Continuando la navigazione nel presente sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Cosa sono i cookie?
I cookie sono file di testo che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser) dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Il loro funzionamento è totalmente dipendente dal browser di navigazione che l'utente utilizza e possono essere abilitati o meno dall’utente stesso. I cookie che utilizziamo nel presente Sito sono utilizzati per far funzionare più efficientemente la tua navigazione e migliorare la tua esperienza on line.

Quali cookie sono utilizzati in questo Sito?
All’interno del sito possono essere usati sia cookie tecnici che cookie di profilazione. I cookie tecnici sono quelli necessari al funzionamento del sito ed all’erogazione dei servizi in esso offerti. Questi cookie possono essere erogati da terze parti per conteggi statistici sul traffico utenti sulle pagine del sito stesso. I cookie di profilazione sono quelli memorizzati allo scopo di creare un profilo comportamentale dell'utente in modo da fornire contenuti pertinenti con le attitudini rilevate durante la fase di navigazione. Questi contenuti possono essere finalizzati ad attività di marketing.

Disattivazione dei cookie
I cookie possono essere disattivati sui vari browser in circolazione accedendo alle impostazioni degli stessi.

Chiudi