Bertinotti.Org

La tua Birra fatta in Casa

Miti sulla birra da sfatare

| 0 commenti

Chiariamoci le idee

wpe

Questa sezione nasce dalle numerose domande e richieste che ricevo sia via email che dal vivo durante i vari incontri e manifestazioni relative alla birra. Noto che la cultura birraria sta progredendo in Italia, ma il concetto di cosa è la birra e come si produce è ancora abbastanza vago. Ecco quindi una paginetta per neofiti che spero possa contribuire a chiarire qualche idea confusa!


La birra doppio malto! La birra doppio malto non esiste! E’ una invenzione del legislatore italiano che – per motivi di tassazione alla produzione – ha suddiviso le birre in varie categorie (analcolica, light, normale, speciale, doppio malto) in relazione alla quantità di zuccheri contenuti nel mosto di birra. Non c’e’ una stretta relazione diretta tra tale quantità e la gradazione alcolica, nè ovviamente rispetto allo stile: possiamo avere una “doppio malto” di 4.5 gradi alc. ed una “speciale” di 6. In altri paesi ci sono suddivisioni simili: in Belgio ad esempio, la suddivisione è in Cat. S, I, II, III, ma nessuno si sogna di andare al bar e chiedere “una Cat. III, per favore!”. Quindi per piacere, aboliamo il termine…


La birra puro malto ha invece un senso: alcuni (molti, quasi tutti…) produttori industriali utilizzano cereali non maltati come mais, riso, etc…. Vi diranno che è per dare un gusto particolare alla birra, ma in realtà la motivazione è solamente economica: il malto d’orzo è molto più costoso del mais! In generale, tranne per alcune eccezioni di stile, la birra dovrebbe essere fatta solo con malto.


Gli stili della birra sono molti, ma pochissimi li conoscono: la maggior parte degli avventori al bar non va oltre alla “rossa doppio malto”; eppure se vado al ristorante non mi sogno di ordinare “un rosso”, chiedo un chianti, un barbera o un valpolicella. Una buona lettura per conoscere gli stili della birra è questa: stili .


Bionda, rossa, scura si tende a suddividere le birre per colore, ma questo è molto sbagliato: il colore infatti non ci dice molto della birra che stiamo per bere, se non che una birra nera potrebbe dare un carattere “tostato” o che una rossa potrebbe avere note di caramello. Non ci comunica il grado alcolico (una “nera” Guinness ha solo 4.1 Alc, mentre una pallida ed innocua Tennents Super ne ha 9!), nè il grado di amaro o il corpo. Parlando di stili (weizen, pilsner, dubbel…) abbiamo una idea ben più precisa di quello che ci aspetta nel bicchiere.


 Trappiste o di abbazia non identificano uno stile di birra! Sono solamente notazioni commerciali: le birre “trappiste” sono prodotte da monaci / religiosi con precise limitazioni (numero di laici che lavorano nella produzione, destinazione di quote degli utili in beneficenza…). Attualmente i produttori trappisti che possono fregiarsi del logo sono 10; sei in Belgio: Chimay , Rochefort, Westmalle , Westvleteren , Achel , Orval , uno in Olanda: De Koningshoeven (La Trappe). Questo lo ha riacquistato qualche anno dopo averlo perso nel 1999 per un accordo con un grosso gruppo industriale (Bavaria). Poi le recenti Engelszell in Austria e Mont Des Cats in Francia. Questa ultima tuttavia non produce in proprio, ma si appoggia all’impianto di Chimay e non può utilizzare il logo esagonale in bottiglia. Un ulteriore produttore è lo statunitense Spencer, mentre ultimo arrivato è l’italiano Abbazia Tre Fontane, di Roma
Per le “birre di abbazia” il discorso è più confuso, dato che non esiste una normativa precisa in merito: sostanzialmente sono birre che per qualche motivazione (ricetta, vicinanza a monasteri, nome della birra…) hanno un riferimento a vere o presunte antiche produzioni monastiche.


Vai con l’alcool: è uno degli elementi della birra, ma sicuramente non il più importante dal punto di vista gustativo: molti domo-produttori mi chiedono indicazioni per “aumentare l’alcool” o più frequentemente si può notare nei bar che molti prediligono bere birre molto alcoliche, giusto per “sballare”. Che senso ha? L’alcool deve “supportare” il gusto della birra (non opprimerlo come nelle famigerate 8.6 o Tennents Super) ed amalgamarsi con aromi, corpo, amaro, maltosità.


La birra fa ingrassare: dipende da che birra, ma in generale è falso! Un normale bicchiere di birra “pils” ha in media 100 calorie, meno di un bicchiere di succo di frutta! Alcune birre con elevato grado zuccherino possono invece arrivare a 250 calorie, la metà comunque di un qualsiasi superalcolico.


Se è amara allora non mi piace: vige il mito che agli italiani la birra piace “dolce”, soprattutto tra gli operatori professionali come rivenditori e baristi. Fermo restando che una buona dose di luppolo (che garantisce l’amaro) rende la birra più beverina perchè “pulisce” la bocca alla fine di ogni sorsata, approntando le papille per il sorso successivo, ritengo questo un mito inesistente e frutto di autoconvincimento del bevitore di birra medio: più di una persona ha infatti apprezzato birre extraluppolate dopo essersi dichiarati “non amanti dell’amaro”. Qui vale la qualità intrinseca della singola birra, quindi la parola d’ordine è sperimentare!


Pizza + birra e altri abbinamenti: un luogo comune difficile da eliminare. Così come esistono decine di pizze diverse, esistono anche decine (centinaia!) di birre differenti. Gli abbinamenti non sono quindi scontati e dipendono da cosa si mette sulla pizza! Ritengo che un popolo di amanti del vino come quello italiano abbia accolto per pura pigrizia un luogo comune come questo, dal momento che l’acidità del pomodoro della pizza è difficilmente abbinabile ai vini. In realtà ogni cibo ha una birra abbinabile egregiamente.


Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie propri o di terze parti al fine di assicurare la migliore esperienza d'uso. Il mancato utilizzo dei cookie può compromettere il buon funzionamento del sito. Continuando la navigazione nel presente sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Cosa sono i cookie?
I cookie sono file di testo che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser) dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Il loro funzionamento è totalmente dipendente dal browser di navigazione che l'utente utilizza e possono essere abilitati o meno dall’utente stesso. I cookie che utilizziamo nel presente Sito sono utilizzati per far funzionare più efficientemente la tua navigazione e migliorare la tua esperienza on line.

Quali cookie sono utilizzati in questo Sito?
All’interno del sito possono essere usati sia cookie tecnici che cookie di profilazione. I cookie tecnici sono quelli necessari al funzionamento del sito ed all’erogazione dei servizi in esso offerti. Questi cookie possono essere erogati da terze parti per conteggi statistici sul traffico utenti sulle pagine del sito stesso. I cookie di profilazione sono quelli memorizzati allo scopo di creare un profilo comportamentale dell'utente in modo da fornire contenuti pertinenti con le attitudini rilevate durante la fase di navigazione. Questi contenuti possono essere finalizzati ad attività di marketing.

Disattivazione dei cookie
I cookie possono essere disattivati sui vari browser in circolazione accedendo alle impostazioni degli stessi.

Chiudi